Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: RISULTATI CLASSIFICHE STATISTICHE COPPE

CAMPO DI PREPO: ASSOLTI CON FORMULA PIENA REPACE E GLI ALTRI IMPUTATI

PERUGIA - Si chiude con una assoluzione con formula piena la vincenda giudiziaria che aveva visto coinvolto il presidente della Federcalcio Umbria Luigi Repace relativamente al campo di Prepo, adiacente alla sede del comitato

Repace  era stato rinviato a giudizio in seguito a un’inchiesta del pm Giuseppe Petrazzini del 2011 con le accuse di truffa e malversazione ai danni dello stato. Secondo l'accusa, il campo non era stato stato costruito nei tempi previsti e i soldi che la Figc aveva avuto come contributo dalla Regione sarebbero stati usati per altri scopi. E di questo, per l’accusa, sarebbe stato responsabile Repace, e  con lui il dirigente Di Mauro che "avrebbe deviato dal corretto iter procedurale che avrebbe previsto una graduatoria invece che un’assegnazione diretta". Il campo però venne realizzato nei termini fissati (fine 2011) dopo il dissequestro.

Free Image Hosting at FunkyIMG.com

Oggi come detto, l'assoluzione con formula piena per lui e  per gli altri imputati (il progettista Lanfranco Rossi, il segretario della Federcalcio Valerio Branda e alcuni componenti del consiglio direttivo: Carlo Emili, Naldino Forti, Roberto Lombrici, Luciano Paccamonti e Giuseppe Palmerini). Mario Cicioni, anche lui coinvolto nella vicenda, come è noto è deceduto alcuni mesi fa. 

 "Siamo veramente soddisfatti" il commento del difensore di Repace, l'avvocato Marco Brusco. "Nonostante l'avvenuta prescrizione del reato - ha aggiunto - i giudici hanno emesso sentenza di assoluzione che in caso di reato prescritto, può essere pronunciata soltanto allorquando sia evidente l'insussistenza dei reati contestati. D'altro canto il campo sportivo è stato realizzato nei termini previsti ed è a disposizione, ormai dal 2011, della comunità. Questa pronuncia ci ripaga di tanti anni di sofferenza".

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione il 03/07/2018
Tempo esecuzione pagina: 0,77529 secondi