Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: RISULTATI CLASSIFICHE STATISTICHE COPPE DIRETTA

TIFERNO 1919, INTERVISTA A DUE - Parlano i portieri Palazzoli e GiuntI

CITTA' DI CASTELLO - Egualmente protagonisti della splendida cavalcata che domani, domenica 7 aprile, povrebbe incoronare il Tiferno 1919 campione del girone A di Promozione e il suo passaggio in Eccellenza, i due portieri Massimo Palazzoli  e Daniele Giunti provano a neutralizzare le nostre domande nella intervista doppia.

E' a loro che chiediamo di raccontare la stagione eccezionale del club tifernate.

Palazzoli e Giunti, lo champagne è già in frigo, sarà tempo di preparare i calici?

PALAZZOLI: C'è prima da battere il Montone. Abbiamo tutti una grande voglia di far festa, ma è bene farla quando abbiamo la certezza. Ormai manca poco, vero, ma aspettiamo il novantesimo...

GIUNTI: Ci manca un punto, ma noi domenica vogliamo vincere. Prima di tutto perchè è meglio festeggiare con i tre punti, poi perchè è sempre un derby...

Come si vive una stagione con la nomina di favoriti?

PALAZZOLI: La pressione c'è sempre, anche perchè il presidente aveva come obiettivo la vittoria del campionato, non si è mai nascosto. All'inizio poi eravamo in tre, c'erano Branca e Trasimeno con noi. Poi abbiamo preso il largo, per fortuna.

GIUNTI: Non è mai facile quando devi vincere per forza. Ma noi siamo un grande gruppo, è questa la nostra forza e la cosa ci ha aiutato molto. Quando poi ci siamo scrollati Branca e Trasimeno, è stato più facile.

Nelle ultime domeniche, la vittoria del campionato era a portata di mano, ma non è arrivata. Come vi ha tenuto in tensione il tecnico Santececca?

PALAZZOLI. Il mister ci ha sempre detto di tenere alta la guardia e lui per primo è stato in tensione con noi sino all'ultimo. Forse si è un poì rilassato ora, ma il traguardo è alle porte.

GIUNTI: Il mister sa sempre come caricare l'ambiente e noi sappiamo che fino a che non c'è la certezza della vittoria, non possiamo mollare. 

Free Image Hosting at FunkyIMG.com

Come avete gestito il dualismo fra voi?

PALAZZOLI: Personalmente ci sono abituato, ormai, visto che la regola degli juniores comporta questo avvicendamento con un portiere sottoquota. Direi bene, abbiamo giocato un po' per uno. La concorrenza fa bene, ma c'è anche amicizia.

GIUNTI: All'inizio ho giocato meno, poi alla fine ci siamo alternati. Sto crescendo, direi che per adesso va bene così.

Cosa apprendete l'uno dall'altro?

PALAZZOLI: Io non ho segreti, sono sempre aperto e disponibile, per consigli e qualunque cosa serva. Da lui vorrei la spensieratezza dei 19 anni..

GIUNTI: Non conoscevo Palazzoli, devo dire che è un ottimo portiere e un ottimo ragazzo. Sono cresciuto molto al suo fianco e insieme al preparatore. Ho fatto tesoro della sua esperienza.

Ma chi è più forte?

PALAZZOLI: Lui ha grandi prospettive, essendo un 2000. Grandi margini di crescita, ma è già un ottimo portiere

GIUNTI. Lo lascio dire al nostro preparatore...

A cura Ufficio Stampa Tiferno 1919

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Emanuele Lombardini il 06/04/2019
Tempo esecuzione pagina: 0,54742 secondi