Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: RISULTATI CLASSIFICHE STATISTICHE COPPE DIRETTA

IL CRU SCRIVE ALLA TESEI: "Fate giocare i dilettanti col pubblico!"

DAL CRU RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO:

"Il vigente Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, riportante le “Misure urgenti di contenimento del contagio sull'intero territorio nazionale”, dispone che le gare dei Campionati indetti dal C.R. Umbria vengano effettuate a “porte chiuse”, in assenza di pubblico.

Alla luce di quanto sopra, il Comitato Regionale Umbria della F.I.G.C. – L.N.D. ha ricevuto innumerevoli comunicazioni da parte delle proprie Società, in cui le stesse hanno evidenziato le insorgenti difficoltà di carattere gestionale, organizzativo ed economico, nel caso in cui venisse confermato il divieto di accesso al pubblico, ed il pericolo che le stesse debbano rinunciare alla partecipazione ai suddetti Campionati.

Free Image Hosting at FunkyIMG.com

Appare evidente che l’assenza di pubblico privi l’attività calcistica dilettantistica della propria vera essenza, vale a dire quella di strumento sociale ed aggregativo, volto a diffondere i principi cardine dell’interazione sociale e del divertimento, in nome del rispetto, della tolleranza e della fratellanza, oltre a determinare, in via subordinata, evidenti difficoltà economiche per le Società dilettantistiche (sia nel reperimento di risorse utili alla prosecuzione dell’attività, che di sponsorizzazioni).

Pertanto, il C.R. Umbria ha avanzato formale istanza alla Regione Umbria, al fine di ottenere autorizzazione in deroga all’ingresso al pubblico e scongiurare così le connesse drammatiche conseguenze non solo da un punto di vista sportivo, ma soprattutto sociale.

In particolare, è stato richiesto l’accesso con un limite di n. 500 unità per le gare di Calcio a Undici e di n. 100 unità per le gare di Calcio a Cinque, sempre nel rispetto delle disposizioni in materia di contenimento dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 ed accertata la compatibilità delle misure previste con l’andamento della situazione epidemiologica".

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione il 10/10/2020
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,10088 secondi