Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: RISULTATI CLASSIFICHE STATISTICHE COPPE DIRETTA

Possibili violazioni del decreto Dignità

 

A livello internazionale sono molte le normative concernenti il gioco da casinò, in quanto non vi è una legislazione unica, bensì tutti gli Stati Membri dell’Unione Europea hanno la possibilità di stabilire delle regole riguardanti il proprio Paese.

In Italia, l’organo che si occupa di regolamentare il settore del gioco da casinò è stato per tanti anni l’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato o anche AAMS, che è poi stata inglobata dall’Agenzia Dogane e Monopoli, anche chiamata ADM. Attualmente, infatti, l’ADM è responsabile del rilascio della licenza governativa obbligatoria per operare in Italia, che è sinonimo di affidabilità e sicurezza.

Ovviamente, tale certificazione non viene rilasciata a tutte le piattaforme di casinò online, ma soltanto a quelle che soddisfano tutti i requisiti previsti, così da assicurare che l’esperienza di gioco degli appassionati sia sempre valida e sicura. Tra i vari requisiti, ad esempio, possiamo menzionare appositi sistemi di crittografia, volti ad assicurare la massima protezione e riservatezza dei dati bancari e personali di tutti gli utenti della piattaforma. Soltanto in questo modo può essere garantita la privacy e l’efficacia delle varie transazioni economiche.

Tuttavia, all’interno del territorio italiano sono state stabilite diverse normative, volte soprattutto a limitare il fenomeno della dipendenza patologica. Per approfondire la tua conoscenza a riguardo, è necessario considerare il decreto Dignità, che è ormai in vigore dal 2018.

 

Decreto Dignità – 12 Luglio 2018

Il Decreto Dignità è volto a limitare il fenomeno della dipendenza patologica, anche chiamata ludopatia. In particolare, nell’articolo 9 del DL n.87 del 12 luglio 2018, è espressamente vietata la pubblicità concernente il gioco da casinò o le scommesse sportive su qualsiasi canale di trasmissione o qualsiasi mezzo di comunicazione. Sono quindi incluse le trasmissioni radiofoniche, televisive e la stampa.

Tuttavia, all’interno di tale decreto sono escluse le lotterie nazionali a estrazione differita e tutti i loghi AAMS/ADM che promuovono il gioco sicuro, consapevole e responsabile. In caso di violazione, sono previste sanzioni molto severe, che partono a volte da cinquantamila euro.

In realtà però, si sono verificati e continuano a verificarsi tutt’ora episodi che potrebbero essere considerati come una violazione, ma per cui non è stata ancora prevista alcuna sanzione.

 

Che cosa sta succedendo nel mondo del gioco da casinò?

Da qualche tempo, viene mandata in onda su alcuni canali di trasmissione una pubblicità che concerne il gioco da casinò, e in particolare le scommesse sportive di una determinata piattaforma. Nello specifico, tale pubblicità pubblicizza un sito di giochi digitali, su cui gli appassionati possono recarsi ed effettuare una o più sessioni di gioco. In realtà però, è indirizzata alla registrazione di un maggior numero di utenti su una specifica piattaforma di casinò online, e rappresenta quindi una pubblicità che viola il decreto Dignità.

Inoltre, sono state anche rilevate diverse pubblicità concernenti siti che permettono agli appassionati di simulare scommesse sportive, con lo scopo di vincere dei buoni regalo da utilizzare su Amazon. In aggiunta, alcuni tra questi siti rimandano direttamente a piattaforme del gioco da casinò online, spingendo quindi gli interessati ad informarsi ed eventualmente ad iscriversi al sito stesso.

Ciò che sorprende però a riguardo è l’interesse minimo del Governo, il quale non ha mostrato alcuna preoccupazione particolare su tale evento, che rappresenta comunque un invito al gioco piuttosto che un mezzo per limitare il fenomeno della dipendenza patologica.

 

In questo contesto, è quindi fondamentale ricordare ancora una volta che tutte le migliori piattaforme valide e sicure sono quelle certificate ADM e di volatilita’, in cui è possibile impostare dei limiti di perdita e autoescludersi al fine di prevenire eventi particolarmente spiacevoli. Bisogna sempre giocare in maniera moderata, così da godere al meglio della sessione e dell’esperienza di gioco.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione il 12/01/2022
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,08080 secondi