Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: RISULTATI CLASSIFICHE STATISTICHE COPPE DIRETTA

BRODO DI GIUGGIOLE - Una città intera festeggia il Bevagna - IL VIDEO

La squadra di Silvestro Taccucci vince anche l'ultima sfida della stagione a Cannara e sale in Promozione

STEFANO BAGLIANI

BEVAGNA - Affermare che ieri a Cannara c'era tutta Bevagna magari è un po' azzardato e forse esagerato, ma la tribuna dello Spoletini era stracolma in ogni ordine di posti per sospingere i gialloblù verso il grande traguardo della Promozione.

Un entusiasmo travolgente da parte di un'autentica marea gialloblù, capace di crescere gara dopo gara, come l'autostima dei ragazzi di Silvestro Taccucci, artefice principe di questa annata magica che ha riportato i canarini nella serie B dell'Umbria, a conclusione di un testa a testa davvero mozzafiato con il Palazzo.

Il gol contro la Grifo Cannara non arrivava, ma la torcida bevanate ha spinto fino a che il giovane Console non ha gonfiato la rete avversaria e tradotto in realtà il sogno di una città intera e di una società ambiziosa guidata dal presidente Cesare Fontetrosciani.

Il Bevagna non era partito con i favori del pronostico, ma mattone dopo mattone ha conquistato credibilità e fiducia, superando tante difficoltà, magari comuni anche ad altre squadre, ma senza piangersi addosso, riuscendo a scalare la classifica del girone C di Prima categoria e con un finale di stagione thrilling, fatto di sorpassi e controsoprassi, ha centrato il bersaglio grosso.

E da ieri sera la città del Mercato delle Gaite era davvero in un vero e proprio brodo di giuggiole, la piazza centrale strabordante di entusiasmo: chi lanciava fumogeni, chi cantava a squarciagola, chi faceva il bagno nella storica fontana.

Insomma una giornata davvero speciale che riconsegna il calcio bevanate all'elitè del pallone regionale. 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Stefano Bagliani il 23/05/2022
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,12651 secondi