Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: RISULTATI CLASSIFICHE STATISTICHE COPPE DIRETTA

LA CASTELLANA: "Chiediamo rispetto, basta con questa arroganza"

Dalla società La Castellana, Prima categoria Girone C, riceviamo e pubblichiamo:

"Premessa doverosa, la Julia Spello ha vinto meritatamente, detto ciò siamo a denunciare come società il comportamento del Sig. Darsan Mileski della Sezione di Foligno.

In queste due giornate di campionato e nelle tre di coppa (ad eccezione della partita contro il San Luca, complimenti al Sig. Manuel Palombi) abbiamo capito che al corso da arbitro due cose sono state insegnate quest’anno: che il riconoscimento prepartita va fatto in fila indiana e solo una persona in piedi in panchina.

Il regolamento invece probabilmente non è nemmeno stato aperto.

Ma vogliamo ancora essere bonari e passiamo sopra anche a questo, quello che non è più tollerato è la totale mancanza di rispetto e l’arroganza con cui il sopra citato arbitro ha trattato tutti i nostri giocatori e lo staff.

Siamo a scrivere perché in questa giornata è stato toccato l’apice quando anche i familiari del Sig. Darsan hanno insultato chi gli faceva notare che un rosso e sei gialli forse erano troppi per una partita correttissima.

Ogni giovedì leggiamo il comunicato della federazione con le decisioni del giudice sportivo, sembra sempre un bollettino di guerra, ma possibile che la colpa sia solo e sempre dei tesserati? Possibile che la parola del direttore di gara sia insindacabile?

Non siamo ad elencare tutti i sacrifici che si fanno per tenere in piedi una società in un momento storico come questo, ma giornate come quella di oggi ci fanno riflettere se ne valga veramente la pena, e purtroppo questo non è solo un nostro pensiero ma della stragrande maggioranza di società e giocatori con cui ci confrontiamo ogni domenica.

Sia chiaro che non stiamo condannando i singoli episodi, perché come sbagliano i giocatori sbaglia l’arbitro, fa parte del gioco, quello che non ci va più bene è l’atteggiamento che questi signori hanno ogni domenica, il rispetto e l’educazione sono alla base di questo sport e della vita."

LA CASTELLANA

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione il 18/09/2023
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,08136 secondi