Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: RISULTATI CLASSIFICHE STATISTICHE COPPE DIRETTA

CALZETTI: "Occorre una seria riflessione, troppi problemi e rischi!"

Il DG del Parlesca, partecipante al torneo di Prima categoria, torna sull'argomento del momento e fa diverse proposte

Da Roberto Calzetti, direttore generale del Parlesca, riceviamo e pubblichiamo:

"Purtroppo, e dico purtroppo, per il segnale di grande preoccupazione che sono stato costretto a leggere e per quello che significa, ho ricevuto molte chiamate telefoniche di condivisione al mio appello pubblicato su Settecalcio.

Oltre alle adesioni social che registro ma che per età anagrafica prendo con le molle, sono dolorosi gli appelli accorati da parte di anche di alcuni ex miei giocatori (cioè con passate militanze al Parlesca) costretti a sospendere l'attività calcistica per non far correre rischi ai familiari e alle loro attività di lavoro.

Ho riscontrato fondamentalmente un notevole coraggio e la presa d'atto che se è vero che le percentuali di contagio sono a tutt'oggi forse tollerabili, che i giovani atleti muoiono rarissimamente (perdonate la brutalità), che qualche percentuale di sfruttamento della situazione a fini politico-elettorali è qualche volta evidente da destra e da sinistra, la preoccupazione rimane forte e motivata.

Free Image Hosting at FunkyIMG.com

Anche molti allenatori e presidenti di società che hanno già dimostrato il proprio coraggio e disponibilità (impegnandosi economicamente e sacrificando tempo prezioso sottratto alle loro attività) mi hanno manifestato grandi perplessità sull'opportunità di proseguire senza rinvii e sospensioni.

Si rende necessario un momento di doverosa riflessione, anche sollecitata da ventiquattro società della Prima Categoria disponibili a rivedere per l'ennesima volta programmi, calendari e organizzazione delle rose agonistiche. Quest'ultimo aspetto sta diventando drammatico e anche la prospettiva di un impegno ridotto legato alle "sole" dieci/undici squadre per girone, da affrontare con tagli per ritiro dall'attività del 20/30% della rosa già definita, appare poco sostenibile ai più.

Un nuovo problema pratico viene dalla necessità di produrre certificati ufficiali Asl di positività Covid per ottenere i rinvii degli incontri programmati , e dire che molte società si sono svenate per fare in autonomia indagini sierologiche negli studi privati o con personale medico privato. La soluzione di torneo primaverile non appare sgradita a molti, sempre senza mettere il carro davanti ai buoi perchè ogni previsione di tipo ottimistico si è spesso rivelata del tutto sbagliata.

Sarebbe opportuno a questo punto che chi si è esposto nei colloqui personali si unisse ad una richiesta ufficiale di un nuovo URGENTE consulto on line. Possibilmente con tutte le carte in tavola, con tempi assegnati, e definiti nei tempi di intervento, con mozioni serie da sottoporre al voto. Un modo per permettere a chi vuole continuare, di farlo serenamente e a condizioni certe, e a chi non vuole assumersi altri rischi di ritirarsi con altrettanta serenità. E tutto con la speranza che almeno nel nostro mondo dello sport nessuno utilizzi il problema con secondi fini!

Solamente per manifestare eventuali intenzioni di confronto un primo mezzo può essere la condivisione di questo appello. Poi se qualcuno potrà o vorrà organizzare appelli più ufficiali si può tranquillamente proporre: il giro dei contatti è fruibile, assemblabile e realizzabile attraverso il contributo di molti."

Roberto Calzetti

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione il 22/10/2020
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,11030 secondi