Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: RISULTATI CLASSIFICHE STATISTICHE COPPE DIRETTA

Il ruolo dei coach nel calcio: molto più di quanto si pensi

 

Essere allenatore è una grande responsabilità. Si ha il compito di traghettare le squadre verso la vittoria e di riprenderle dopo una sconfitta. Perché il ruolo del coach è molto di più di quanto si pensi.

Come si diventa allenatore?

Come per ogni altra professione lavorativa, anche per diventare allenatore c’è un iter da seguire e diverse possibili strade da intraprendere. La cosa più importante è ovviamente quella di conoscere a fondo il gioco. Non si può pensare di voler diventare allenatori se non si conoscono benissimo le regole del calcio! Le conoscenze devono poter spaziare sia dal livello teorico che a quello pratico. Infatti per diventare coach ci sarà bisogno di moltissimo impegno anche a livello teorico e di studi. Non solo però. E’ necessario che a muovere questo desiderio ci sia una profonda passione ed una forte determinazione per tutto ciò che ruota intorno al mondo del calcio. Inoltre ci vuole visione. L’allenatore, infatti, non è solo il tecnico che prepara tattiche e gioco ma è anche colui che intuisce i talenti, li scopre, li verifica e li fa esplodere. Ovviamente in base all’ambizione ed al livello che si vuole raggiungere i percorsi da seguire saranno differenti. L’esperienza sul campo è la condizione necessaria per iniziare e poi si passa alla scelta degli studi universitari che può essere una carta vincente per chi vuole intraprendere questo ruolo. Corsi di studio come scienze motorie o scienze dello sport, offrono una più completa preparazione. Dopo l’università è bene trovare il corso adatto alle proprie aspettative ed ai propri desideri. Ad esempio esiste il corso di Allenatore Dilettante Regionale o il corso Uefa Grassroots, Uefa A e Uefa Pro. Ciascuno di questi qualifica per il livello al quale si ambisce.

Il perno di un gioco affascinante

Il calcio è da sempre uno degli sport più seguiti del mondo. Non è solo un gioco, ma una vera e propria metafora di vita. Nel calcio si vince, si perde, si fa squadra, si crede nel gioco dell’altro, ci si incita, ci si consola. Al pari della vita, nel calcio, anche da tifosi, si è sempre protagonisti di grandi emozioni. In tutto questo il coach ha un ruolo fondamentale. Spetta all’allenatore, infatti, pensare ad un gioco di squadra che sia quello vincente, ragionare sulle tattiche, scegliere i giocatori migliori nel rivestire un ruolo specifico e motivarli partita dopo partita. Questo a prescindere dal livello della squadra. Sia che si giochi in serie A o che si giochi in categoria, il coach è sempre il perno per tutta la squadra. Nella storia del calcio italiano, che è una storia importante, sono stati tantissimi gli allenatori che hanno letteralmente segnato un’epoca e contribuito a rendere grandiosa la storia di alcuni club tanto da essere ricordati ancora oggi. E’ il caso di Arrigo Sacchi, storico allenatore del Milan negli anni ’80, sotto la cui guida i rossoneri hanno vinto ben due Champions consecutive. Ancelotti, Capello, Trapattoni, Lippi e tantissimi altri grandi allenatori hanno dato il loro contributo nel rendere il calcio italiano uno dei più competitivi ed affascinanti del mondo. Questo perché i coach sono un tassello essenziale nel gioco e per la squadra. Non solo per la valorizzazione delle tecniche da adottare in campo ma anche per l’apporto ed il supporto psicologico che sono in grado di fornire agli atleti e a tutto il resto del club. Se vuoi capire quali siano gli allenatori più determinanti per le squadre italiane, allora ti consiglio di dare un’occhiata al miglior sito italiano di scommesse calcio.

Confrontando statistiche e quote ti renderai conto che spesso a fare la differenza è proprio il coach, capace di cogliere i talenti nella sua rosa, i giocatori con la migliore forma fisica e schierarli in campo nei match che contano. La strada per diventare un buon allenatore non è tutta in discesa. Ci vuole moltissima motivazione ed impegno e del resto è questo che richiede anche la professione. Da allenatore dovrai infatti riuscire a trasferire tutta la tua forza, la tua passione, il tuo impegno e le tue intuizioni ai tuoi giocatori e traghettarli verso la vittoria o supportarli nella sconfitta.

Conclusioni

In Italia il calcio è lo sport in assoluto più seguito. Non è un caso che tutte le giovani generazioni guardino con occhi sognanti ai protagonisti di questo sport. Quasi tutti i bambini sognano di diventare calciatori ma sono tantissimi anche quelli che decidono di diventare allenatori. La strada per diventarlo non è, come si potrebbe pensare, semplicissima. Infatti il percorso è abbastanza importante e tutto dipende anche dal grado che si vuole raggiungere. Il punto di partenza è sicuramente una estrema confidenza con lo sport. Se poi si ha la giusta motivazione, si scelgono indirizzi di studio universitario che siano in grado di completare le competenze e di arricchirle. Infine si segue uno dei corsi Uefa banditi ogni anno per ogni categoria. Tutto parte dall’impegno e dalla volontà, la passione fa il resto ed il cuore… beh il cuore ci orienta sempre verso i più grandi desideri.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione il 28/03/2023
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,04208 secondi