Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: RISULTATI CLASSIFICHE STATISTICHE COPPE DIRETTA

MONDIALE PER CLUB 2025 - Come funziona, chi partecipa

Diventa tutto maxi. Il Mondiale vero, quello per le nazionali, tra due anni passa da 64 a 104 partite, con 48 paesi qualificati, la partita inaugurale a Città del Messico e la finale a New York. D’altronde si terrà in tre nazioni: Messico, Canada e Stati Uniti. Ma negli stessi Usa un anno prima si inaugurerà il primo Mondiale per club in versione extralarge: 32 squadre anziché 7, un mese di partite e non più una decina di giorni. Il tutto a fine stagione, tra giugno e luglio. Non ci sarà un’estate di pausa per giocatori e tifosi: giugno 2024 l’Europeo in Germania; giugno 2025 il Mondiale per club; giugno 2026 la coppa del mondo. Va sistemata l’agenda, vanno pensate le rose.

Lavori forzati Una squadra italiana che arrivasse in finale in tutte le competizioni giocherebbe 67 partite stagionali, o addirittura 69 in caso di playoff per gli ottavi di Champions League. Il gruppo squadra va per forza allargato. Si arriverebbe anche a 71 con Supercoppa Europea e la nuova Intercontinentale Fifa, ma in questo caso si deve prima vincere la Champions. «Le competizioni dell’anno prossimo saranno di più per l’Inter con il Mondiale per club, stiamo andando alla ricerca di una rosa sempre più competitiva dove non ci sono solo 11 titolari, ma anche co-titolari. Quando si presenta un’opportunità come quella di Zielinski o altri giocatori, è un dovere perseguirla». Parole di Beppe Marotta, l’altra sera a San Siro, interrogato sul mercato prima di Inter-Juventus. L’a.d. nerazzurro fa i conti e al Mondiale per club va unita anche la nuova Champions. Già, perché nel maxi ingorgo del 2024-25 ci sarà l’edizione rinnovata e allargata della ex Coppa Campioni: 36 squadre al posto di 32, 8 giornate nella prima fase che non è più a gruppi, ma con la formula di un
campionato. Inoltre, ulteriore doppio impegno per chi va oltre l’ottavo posto e non passa direttamente agli ottavi: le classificate dalla nona alla 24a piazza disputano gli spareggi per la fase a eliminazione diretta, e le vincitrici trovano le altre agli ottavi.

Due per nazione Ma se le squadre della nuova Champions League non sono ancora definite, e l’Italia potrebbe avere anche cinque rappresentati, quelle del Mondiale per club sono in buona parte già note. Il vincolo è due club per nazione, a meno che tra di esse ci sia un vincitore delle ultime tre Champions (la Serie A non è coinvolta). Per i 12 posti dell’Europa si usa il ranking Uefa, per il resto del mondo il sistema Fifa, diverso nell’assegnazione dei punteggi. Dalla prossima edizione, nel 2029 vista la cadenza quadriennale, si uniformerà con il metodo Fifa.

Le compagne dell’Inter Sono già 8 le qualificate per la zona della Uefa: Chelsea, Real Madrid e City (vincitrici di Champions recenti); Bayern, Psg, Inter, Porto e Benfica, avanti nel ranking. Nel resto del mondo hanno un posto aassicurato Al Ahly (Egitto) e Wydad (Marocco); Monterrey, Club Leon (Messico) e gli statunitensi del Seattle Sounders (Nord e Centro America); Palmeiras, Flamengo e Fluminense, tutte brasiliane per il Sudamerica; Al Hilal (Arabia Saudita) e Urawa Red Diamonds (Giappone) per la zona asiatica, Auckland Fc (Nuova Zelanda, Oceania). Torniamo in Italia: al momento la Juventus è davanti al Napoli per il secondo posto. La Lazio è lontana anche se non aritmeticamente tagliata
fuori, mentre il Milan con l’eliminazione dalla Champions non ha più chance. In numeri: Juve 47 punti, Napoli 41, Lazio 33.

Juve e Napoli Il ranking Uefa prevede due punti per ogni successo, uno per il pari, uno per ogni altro turno superato. A questo punto della stagione non contano più i bonus partecipazione e passaggio agli ottavi (9 punti complessivi). Al Napoli
servono 6 punti perché, se raggiunge quota 47, sorpassa la Juventus perché ha un risultato migliore nel quadriennio in considerazione (‘20-24). Se non riuscisse a qualificarsi per i quarti, - avversario il Barcellona - lascerebbe via libera ai bianconeri. A meno che la Lazio non arrivi in finale vincendo tutte le sei gare.

Ingorgo di date Il torneo Fifa si gioca dal 15 giugno al 13 luglio 2025. La formula a 32 squadre prevede 8 gruppi da 4, poi l’eliminazione diretta dagli ottavi alle finali. I campionati e la Champions (finale 31 maggio 2025) dovranno lottare con le nazionali, perché a giugno c’è già la final four di Nations League. La nuova Champions invece introduce anche due turni in gennaio. Senza tregua, ma il montepremi è ricco: oltre 5 miliardi nei due tornei.

Fonte: La Gazzetta dello Sport

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione il 06/02/2024
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,02945 secondi