Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: RISULTATI CLASSIFICHE STATISTICHE COPPE DIRETTA

TRESTINA E CERBELLA, LE STRADE SI DIVIDONO - Dopo 17 anni

TRESTINA - Fine di una storia d'amore, lunga qualcosa come 17 anni!

E' l'epilogo del binomio tra il Trestina del presidente Bambini e di Enrico Cerbella, prima da giocatore, poi da allenatore ma anche da direttore sportivo: e se l'è sempre cavata più che bene.

L'annuncio poco fa da parte del club bianconero sul proprio sito internet.

"Si è chiuso consensualmente - recita la nota del club bianconero -, dopo ben 17 anni, il rapporto tra lo Sporting Club Trestina e il suo allenatore storico, Enrico Cerbella, che ha iniziato da giocatore per poi passare a fare il secondo a Franceschini l’anno della vittoria del campionato di Promozione.

A dire il vero non sono stati proprio 17 anni perché Enrico si è preso anche la briga di portare il Città di Castello in Serie D e di vincere con la squadra tifernate anche la Coppa Italia di Eccellenza e l’anno seguente raggiungere la salvezza in serie D.

Per l’ex mister bianconero un trend che ha dell’incredibile a partire dalla promozione in serie D dopo la gavetta con la Juniores dove ha forgiato molti giovani passati poi in prima squadra.

Mai una retrocessione in tutti gli anni da allenatore con salvezze a volte sofferte ma spesso raggiunte con largo anticipo.
Di Enrico ricorderemo oltre ai successi anche la sua grande voglia di lavorare che ha sempre trasmesso al gruppo che guidava e che seguiva spesso anche fuori del terreno di gioco.

Free Image Hosting at FunkyIMG.com

Per chi li ha vissuti, dirigenti, giocatori e tifosi sono stati anni indimenticabili che rimarranno per sempre nella storia della società bianconera.

Se dobbiamo fare un appunto - prosegue il sodalizio trestinese - che però ci fa sorridere è qualche espulsione di troppo dovuta al suo carattere sanguigno e al suo attaccamento ai colori bianconeri.

A questo punto tutti vogliamo fare un sincero in bocca al lupo al giocatore, al tecnico ma soprattutto all’uomo che tanto ci ha fatto divertire e che è riuscito a portare in giro per tutta l’Italia il nome del nostro piccolo paese che spesso ha affrontato gare con realtà che avevamo visto solo in televisione.

Grazie di nuovo Enrico e ancora in bocca al lupo!"

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione il 30/05/2020
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,11983 secondi