Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: RISULTATI CLASSIFICHE STATISTICHE COPPE DIRETTA

IACCARINO NON CI STA e risponde al presidente dell'Orvietana Biagioli

Da Francesco Iaccarino, riceviamo e pubblichiamo:

"In merito all'intervista pubblicata in data odierna dal sito Settecalcio.it al presidente dell'Orvietana Roberto Biagioli, il sottoscritto ci tiene a precisare quanto segue: lo scouting nel calcio è un lavoro fondamentale che mira a sviluppare le relazioni tra lo sport professionistico e l'attività di base e a dare possibilità a ragazzi meritevoli.

Il mio ruolo all'interno dell'Orvieto FC è svolto senza alcun tipo di retribuzione e solo con la passione che ha sempre contraddistinto il mio modo di approcciarmi allo sport giovanile.

Come gli addetti ai lavori sanno, soprattutto in questo particolare momento storico, i nullaosta si richiedono 15 giorni prima dello stage.

In questo caso specifico le famiglie dei due giocatori in questione erano state informate che, Covid permettendo, il Nullaosta sarebbe stato richiesto all'Orvietana, così come all'Orvieto FC e al San Venanzo per gli altri ragazzi, a ridosso dello Stage.

D'altronde lo stesso percorso era stato compiuto con Luca Piervenanzi, giocatore da me segnalato e attualmente tesserato dalla Salernitana, il cui nullaosta era stato richiesto 5 giorni prima del provino.

Free Image Hosting at FunkyIMG.com

Sulla tanto sbandierata e presunta correttezza della Società di Biagioli preferisco soprassedere, in quanto basterebbe ricordare il "trattamento" riservato ai ragazzi con vincolo pluriennale per svincolarsi.

Per concludere ritengo che l'Orvietana abbia perso ancora una volta l'occasione di valorizzare il lavoro svolto nel Settore Giovanile negli ultimi anni da dirigenti e allenatori che, non a caso, non fanno più parte della Società.

Infine un'amara considerazione personale, speravo che questo stage rappresentasse un modo per unire le realtà sportive di Orvieto, dare prestigio alle Società locali e una chance ai giovani orvietani di farsi valere e non l'ennesima occasione per esercitare prove di "forza"inutili e alimentare piccole e meschine beghe personali.

Il calcio a Orvieto merita serenità e gioia e non questo clima da oscurantismo."

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione il 11/11/2020
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,11082 secondi