Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: RISULTATI CLASSIFICHE STATISTICHE COPPE DIRETTA

Edizione provinciale di Perugia


Hidetoshi Nakata: il timido samurai più amato dai perugini

Da illustre sconosciuto a fenomeno calcistico e mediatico

Estate 1998. Il Mondiale di Francia si è appena concluso con la vittoria dei Galetti, Galletti che avevano eliminato troppo presto gli Azzurri ai calci di rigore. Tra polemiche, rimpianti e melodrammi all’italiana, che sarebbero proseguiti per mesi, il torneo di Serie A stagione 1998-1999 stava per iniziare. Un campionato come un altro, considerando il dominio dell’accoppiata Milan-Juventus, se non fosse stato per l’istrionico e vulcanico Gaucci. Luciano, mitico presidente del Grifone che al di là dei giudizi sulla sua persona era un profondo conoscitore di calcio e di marketing, stupì lo Stivale intero, e in particolare la nostra amata città di Perugia, ingaggiando dall’oriente Hidetoshi Nakata. I biancorossi, appena promossi nel massimo campionato, avevano puntato tutto su un giovane e sconosciuto giapponese che fino a qualche giorno prima di mestiere faceva il trequartista del Bellmare Hiratsuka! Noi tifosi, onestamente, davanti a questa notizia siamo rimasti senza parole perché credevamo che per rimanere in A ci volessero giocatori esperti e non meteore provenienti dal lontano Sol Levante. Prima giornata di campionato, partita persa per 4 a 3 contro la Juventus, doppietta del timido samurai 2 volte calciatore asiatico dell’anno ed ecco che ci siamo dovuti subito ricredere. Hidetoshi, silenzioso e serio professionista dal tocco geniale e delicato con il pallone, ci aveva fatto vedere di che pasta era fatto. Dopo quell’impresa sportiva pian piano si diffuse la “Nakata-mania”: idolo indiscusso della trasmissione Mai Dire Goal per l’italiano sdentato che faceva a pugni con la sua eleganza dentro e fuori dal campo, il numero 7 del Grifone a ogni trasferta era seguito da un nutrito gruppo di suoi connazionali che avevano trasformato Perugia in una Little Tokyo. Non poteva più uscire di casa che sulla sua testa pendeva la taglia di un autografo, non poteva più allenarsi con tranquillità che orde di giornalisti, curiosi e tifosi lo pressavano a tutto campo! Gaucci, quando decise di ingaggiare lo sconosciuto ragazzo proveniente dal Sol Levante, ci aveva visto giusto. E le casse del Grifone ringraziavano. 
Free Image Hosting at FunkyIMG.com

I numeri con la maglia del Grifone

Hidetoshi Nakata nella sua prima stagione con la maglia biancorossa (1998-1999) fece parlare di sé per i 10 goal segnati in 33 presenze, frutto di colpi di genio di un anti-eroe del calcio che sapeva come esprimersi al meglio solo quando calcava il terreno da gioco. Il suo apporto allora fu fondamentale per la salvezza del Grifone che evitò di scendere in B come invece successe a Empoli, Vicenza, Sampdoria e Salernitana. Questo trequartista dalla grande visione di gioco e dai piedi raffinati nella prima parte dell’anno successivo fu meno brillante – in 22 presenze con il Perugia segnò 2 goal in Serie A, 1 goal in Coppa Italia e 1 goal in Coppa Intertoto contro il Trabzonspor – perché ormai distratto dall’imminente sbarco a Roma avvenuto nel gennaio 2000. Con la Lupa, rispetto all’esperienza perugina, avrebbe incontrato difficoltà a esprimersi al meglio per colpa dell’Imperatore Totti che giocava nel suo stesso ruolo. Tuttavia quelle volte in cui è stato chiamato in causa, il giapponese ha dimostrato di saper accarezzare il pallone come pochi altri. Se oggi, per assurdo, giocasse ancora a calcio darebbe un contributo comunque importante alla sua squadra di appartenenza migliorandone le relative quote calcio. No, non stiamo esagerando perché crediamo che nel tempo un calciatore dotato tecnicamente può sì smettere di correre dietro al pallone ma non di regalare passaggi illuminanti per i compagni.

I colpi più belli di Nakata

Sarebbe facile e allo stesso tempo ingiusto ricordare solamente la doppietta di Nakata contro la Juventus in quella famosa gara persa dal Perugia per 4 a 3; ci sono altri colpi di genio che meritano di essere menzionati. Tra i tanti selezionati apposta per voi non potevano mancare i due goal segnati al Piacenza, il primo in rovesciata e il secondo a porta vuota su assist di Milan Rapaić. Non meno interessante il goal su punizione da distanza siderale in Perugia-Cagliari 3 a 0 stagione 1999-2000. E potremmo così continuare a ricordare l’amato Nakata che è rimasto l’idolo indiscusso di Perugia. Grazie Gaucci per il regalo che ci hai fatto e soprattutto per averci smentito.

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione il 05/12/2020
 

Altri articoli dalla provincia...




VERSO LA D - Il Foligno campione ricevuto in Comune

FOLIGNO - Giornata di festa quella di ieri per il Foligno di mister Antonio Armillei, fresco di promozione in serie D, giovedì 25 aprile scorso grazie allo 0-0 sul neutro di Gualdo Tadino contro il San Sisto di Michele Riberti.   ...leggi
03/05/2019

COPPA ITALIA. Foligno, buona la prima: colpo esterno a Tolentino!

TOLENTINO-FOLIGNO 1-2 Tolentino: Rossi, Boutlata (1' st Mastromonaco), Tartabini, Strano, Tortelli, Borghetti, Gabrielli, Capezzani (33'st Labriola), Raponi (15' st Cicconetti), Minnozzi (5'st Ruggeri), Di Domenicantonio (30' st Merlini). A disp. Giorgi, Tordini, Storoni, Forresi. All. Andrea MosconiFoligno: Meniconi, Pinzagl...leggi
27/02/2019


LACUS PIANA IN RAMPA Il presidente Lesti: "Ci faremo onore"

Emanuele Lombardini CASTIGLIONE DEL LAGO - Viaggiano a fari spenti in un campionato che hanno imparato a conoscere l'anno scorso, tornando dopo diversi anni di assenza, ma hanno tutta l'intenzione di far bene. Il riferimento è ai ragazzi del Lacus Piana del presidente Marco Lesti (nella foto). ...leggi
17/07/2017

MERCATO PROMOZIONE Assisi, quattro giovani per chiudere

ASSISI - Si completa lo staff tecnico dell'Assisi: alla corte di Simone Rubeca (nella foto), arriva il preparatore atletico Gianluca Ercolani, l'anno scorso alle giovanili del Gubbio. E a completamento dell'organico, il ds Rino Cerasa ha messo asegno gli ultimi quattro colpi riguardanti il progetto giovani. Il pri...leggi
16/07/2017

ECCELLENZA Fausto Fioroni: "Fontanelle Branca pronto al bis"

Emanuele Lombardini GUBBIO -  Per oltre 19 anni è stato il presidente e motore del Fontanelle  Branca, oggi "ho lasciato spazio ai giovani" e ricopre il ruolo di presidente onorario, ma Fausto Fioroni (nella foto) non manca mai nel sostegno della squadra: "Sono sempre qui, non manco ...leggi
17/07/2017

TUORO, PIEDI DI PIOMBO Dai Prà: "Stavolta aspettiamo l'ufficialità..."

Emanuele Lombardini TUORO SUL TRASIMENO - "Festa? No, no aspettiamo. Abbiamo già preso una brutta botta una volta, meglio attendere il comunicato ufficiale. Festeggeremo solo dopo". Il ripescaggio bis del Tuoro in Promozione dopo la mancata iscrizione in Eccellenza del Città di Castello sarà ufficia...leggi
15/07/2017

MERCATO SERIE D Cenerini: "Villabiagio, bene il made in Umbria"

Emanuele Lombardini MARSCIANO - Si gode ancora qualche giorno di vacanza prima di ricominciare a sudare per l'ennesimo campionato di serie D. Ma per Federico Cenerini (nella foto), uno dei punti di forza del Villabiagio, questo ha decisamente un sapore speciale: ...leggi
14/07/2017

CARLANTONIO BUZZI SHOW: "Giovani da valorizzare, non da illudere"

Emanuele Lombardini ASSISI - La scelta dei giovani dopo tanti anni nelle panchine senior. Carlo Antonio Buzzi (nella foto), per due anni e mezzo ha lavorato per il 'suo' Verona, per il quale è stato osservatore. Oggi, finita l'esperienza col cambio di proprietà, guarda il mondo dei dilettanti umbri c...leggi
14/07/2017

MERCATO PROMOZIONE Cagiola: "Tavernelle in rampa di lancio"

Emanuele Lombardini PERUGIA - Acquisti super per un campionato che si preannuncia di spessore. Il Tavernelle, protagonista di una straordinaria rincorsa l'anno scorso, pensa in grande. Fabio Cagiola (nella foto), il tecnico, uno che ne ha viste ed allenate tante è...leggi
11/07/2017


BOGLIARI SENZA FRENI: "Basta coi fuoriquota obbligatori"

Emanuele Lombardini SAN SECONDO - Ha scritto un pezzo della storia del calcio umbro, senz'altro una fetta consistente di quello altotiberino, se è vero che ancora viene chiamato dalle tv locali a dissertare del pallone dilettantistico. Gigi Bogliari (nella foto)...leggi
11/07/2017

ASSISI GUARDA AVANTI Mauro Villan responsabile del settore giovanile

ASSISI - "Se vuoi costruire una barca, non radunare uomini per tagliare legna, dividere i compiti ed impartire ordini, ma insegna loro la nostalgia per il mare vasto ed infinito". Parafrasando Antoine de Saint Exupery, l'Assisi Calcio riparte con la sua idea di sport e benessere psico-fisico nel settore giovanile. Nel rispetto d...leggi
09/07/2017

POPONI DAL 'BUEN RETIRO': "Dilettanti così no, troppa improvvisazione"

Emanuele Lombardini TODI -  Nella sua Todi torna due volte a settimana e ovviamente non disdegna di buttare un occhio a quel calcio dilettantistico che lo ha visto per tanti anni protagonista, sia in panchina, che dietro una scrivania. Guido Poponi oggi però ha allargato gli orizzonti: vive a Viterbo e quindi può confrontare due ...leggi
09/07/2017


Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,10181 secondi